realizzarsi nella vita

Realizzarsi nella vita: 3 consigli-calamita

SUGGERIMENTI PRATICI PER REALIZZARE SE’STESSE – INTERVISTA A SERENA DA PARIGI

IL DESIDERIO DI CAMBIARE PER REALIZZARSI

Capita a molte donne di sentirsi prese dalla depressione, trascinate dalla corrente, di fare un lavoro che non le rispecchia solo per necessità, di seguire i consigli delle persone care perché dare ascolto al proprio istinto per realizzarsi come persone fa troppa paura,…

Queste sono solo alcune delle sensazioni che una donna prova quando crede di non avere la vita che desidera.

Se anche tu qualche volta ti sei chiesta “perché non ho la vita che voglio?” ti do subito un consiglio: la domanda corretta che dovresti porti per cambiare approccio e prepararti alla tua realizzazione personale é “come fare per avere una vita soddisfacente ed in linea con i miei desideri?”.

Partire dal COME piuttosto che dal PERCHÉ ci aiuta a dare una diversa prospettiva alle cose, a metterci nell’ ottica di poterle cambiare per realizzare quello che vogliamo.

Nel corso delle mie esplorazioni alla ricerca di donne straordinariamente comuni, mi sono imbattuta in Serena, collaboratrice del blog Donne che Emigrano all’estero, con cui – ormai lo sapete – Chiacchiere da Venere ha avviato una partnership (QUESTA è la pagina del progetto).

Serena è una ragazza romana di 28 anni, capitata a Parigi per caso e poi rimasta sul serio! (Questa è la sua pagina personale sul blog DCEE).

Nel podcast dedicato al tema della realizzazione personale ci racconta come è riuscita realizzarsi professionalmente, seguendo 3 semplici ma non banali strategie che hanno fatto la differenza. Passiamole quindi in rassegna una alla volta.

LE 3 CALAMITE PER ATTRARRE NELLA PROPRIA VITA QUELLO CHE SI DESIDERA

1 – Non farti andare bene ciò che non ti convince

Come avrai modo di ascoltare nel podcast, Serena nel corso delle sue esperienze ha adottato una strategia infallibile per riuscire a trovare la propria strada: è stata capace di DIRE NO, ed ha evitato di farsi andare bene situazioni che non sembravano in linea con le sue esigenze.

realizzarsi per essere felici
Un primo piano di Serena Pontoriero, protagonista dell’intervista

Ognuna di noi sperimenta quotidianamente piccole e grandi sfide in cui dovrebbe imparare ad essere assertiva, a darsi ascolto. Molto spesso però cerchiamo di spingere la nostra “suggeritrice interna” a tacere, ed agiamo in modo da assecondare o compiacere gli altri.

Questo vale nel rapporto con il nostro compagno, con i figli, con i colleghi di lavoro: situazioni ed esigenze esterne a noi stesse si allineano una sopra l’altra come tanti mattoni, finché ci troviamo davanti un bel muro, tra noi e la nostra realizzazione personale.

Il coaching femminile può aiutare a superare questa impasse, attraverso esercizi specificamente orientati alle caratteristiche di pensiero ed azione delle donne che le aiutano ad avere maggiori scelte, tra cui appunto quella di rifiutare ciò che non và.

In un articolo di qualche tempo fa ho raccontato l’esperienza di Valentina: un’altra donna tosta, che proprio per dare un calcio a quel lavoro così perfetto agli occhi degli altri ma che le stava tanto stretto ha preso un volo di sola andata ed ha cominciato a girare il mondo! Se te lo sei perso, lo trovi QUI.

 2 – Conosci i tuoi limiti

“Conosci te stesso” diceva il saggio, ed è il secondo consiglio che anche Serena lascia a tutte le amiche in ascolto! In alcuni momenti della sua vita è stata infatti in grado di prendere delle decisioni importanti proprio grazie alla consapevolezza di sé stessa, delle proprie capacità ma anche dei limiti che avrebbero potuto impedire la sua realizzazione.

L’indicazione è chiara: è sempre bene conoscere i nostri limiti e sapere fin dove possiamo arrivare con le competenze, le attitudini, le possibilità che abbiamo in un dato momento della nostra vita, e a partire da questo dato di fatto darci la possibilità di costruire, avanzando per piccoli passi.

Inutile fare “il passo più lungo della gamba”, rischieremmo solo di trovarci in una situazione che faticheremmo a gestire, niente di più lontano dal realizzare i nostri sogni quindi!

Ciò non significa che non sia possibile migliorarsi: la crescita personale è una magia sempre possibile, che possiamo facilitare con specifiche attività di alta performance dedicate. Io stessa seguo queste pratiche in autoapplicazione, oltre che come life coach proponendole ad altre donne, con risultati davvero soddisfacenti.

3 – Impegnati costantemente per ottenere una vita felice

La perseveranza è una delle maggiori virtù a mio avviso: ci permette di tenere duro quando tutto intorno a noi sembra spingerci a mollare. E’ un esercizio continuo, un vero percorso di crescita personale.

come trovare la propria stradaSerena Pontoriero

L’esperienza di Serena è stata un susseguirsi di momenti di impegno: ore di studio per raggiungere gli obiettivi scolastici che si era prefissata, poi di concentrazione forsennata sui libri di francese per acquisire meglio la lingua, poi di lavoro – anche straordinario e non pagato – per riuscire a realizzarsi professionalmente, scoprendo tra l’altro nuove possibilità rispetto a quelle inizialmente immaginate,…

Perché è proprio così care amiche: alla fine la vita premia chi non molla, sebbene guardando quella degli altri dall’esterno si sia portate a giudicare come “fortunate” le donne che hanno saputo realizzarsi professionalmente ottenendo un lavoro meglio pagato o più interessante del nostro; quelle che hanno saputo ottenere la vita che desideravano e sono circondate dagli affetti, quelle che hanno saputo trovare la propria strada e sono affermate dal punto di vista delle relazioni sociali.

Lasciatevelo dire da una che quotidianamente studia casi di successo e modelli di affermazione personale allo scopo di trarne strumenti utili al miglioramento di tutte le donne: non è questione di fortuna.

La ricetta per realizzare sé stessi prevede anzitutto CONSAPEVOLEZZA, ASSERTIVITA’, PERSEVERANZA. In questo articolo del blog Efficacemente, trovate inoltre l’ingrediente segreto.

Se poi volete condire il tutto con un pizzico di fortuna non guasta mai, ma ricordatevi che è soltanto la spolverata di zucchero a velo sulla torta! 😉

REALIZZARSI ALL’ESTERO: INTERVISTA PODCAST A SERENA PONTORIERO

COSA SACRIFICARE PER OTTENERE CIO’ SI VUOLE

Come in ogni cosa anche la realizzazione di sé ha un prezzo, per questo è davvero fondamentale analizzarsi per comprendere quali siano le intenzioni profonde dietro ai nostri obiettivi personali e professionali soprattutto.

In questo modo possiamo ad esempio evitare di trovarci con un ottimo lavoro ben retribuito ma infelici perché prive di legami affettivi solidi.

come avere ciò che si vuole
Serena ed il suo compagno

Nella chiacchierata con Serena abbiamo toccato anche questo aspetto e ciò su cui mi sento di mettervi in guardia come life coach è proprio questo: di fronte ad ogni scelta siate realmente sincere con voi stesse e prendete la vostra decisione soltanto quando siete consapevoli delle conseguenze che quel passo comporta.

Niente e nessuno potrà giudicarvi se avete il viso di porcellana e vorrete scegliere come compagno un ragazzo dalla pelle nera, o dedicare qualche anno della vostra vita investendo sulla carriera e sacrificando il vostro tempo libero, oppure se avrete deciso di lasciare il lavoro per dedicarvi ai vostri figli. L’importante è che voi siate padrone del vostro presente in modo da non trascinare inutili rimpianti o rimorsi nel futuro.

Non vi resta ora che esercitarvi con le 3 CALAMITE: tenetemi poi aggiornata sui vostri progressi!

Comments

  1. Pingback: Intervista "Realizzarsi nella vita: 3 consigli-calamita" - Qui e altrove

Aggiungi un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.