realizzare i propri sogni

Come definire i tuoi obiettivi per riuscire a realizzarli davvero

Migliorare la propria vita con il pensiero positivo e gli obiettivi

L’inizio di un nuovo anno o anche di un nuovo ciclo  (come ad esempio la fine delle vacanze estive e la ripresa delle attività a settembre) è un buon momento per definire i nostri obiettivi per il futuro, a partire dai nostri sogni e da ciò che siamo nel momento presente.

Quello di migliorare e sentirsi realizzate è a mio avviso uno tra i principali diritti delle donne, un obiettivo da perseguire grazie ad una sensibilizzazione capillare sui temi del miglioramento personale e del coaching.

Generalmente, quando riflettono sulle esperienze passate e cominciano ad elencare ciò che potrebbero fare per cambiare vita, molte donne stendono una lista di BUONI PROPOSITI, che va di pari passo con il motto “anno nuovo, vita nuova” e tutta quella interminabile serie di luoghi comuni…

Nel mio ruolo di life coach pret-a-porter, voglio dissuaderti dallo stilare per l’ennesima volta il solito inutile elenco e proporti qualcosa di più efficace, che ti possa servire per cambiare davvero!

Ti lascio qui il player per ascoltare il primo seguitissimo podcast  “Come rendere efficaci i tuoi soliti buoni propositi” che ho pubblicato a dicembre 2016, nel resto dell’articolo invece troverai altri spunti ed aggiornamenti sul tema.

Esperienze di vita: come migliorare la propria routine

E’ così un po’ per tutti: si comincia un nuovo periodo della nostra vita con un sacco di promesse sapendo già di non riuscire a mantenerle, e dopo pochi giorni si molla la presa con l’alibi del “tanto non cambia nulla, è tutto come prima”.

Ma perché succede tutto questo? La spinta a cambiare vita per realizzarsi potrebbe essere una necessità che sentiamo realmente dentro di noi, ed il fatto di voler cambiare le proprie abitudini iniziando un percorso di miglioramento personale è certamente lodevole, quindi ecco che mosse dal desiderio di imitare gli altri, o di voler essere donne perfette, formuliamo la nostra lista di cambiamenti ideali.

E’ a questo punto che qualcosa va storto: come recita un vecchio proverbio popolare, sappiamo bene che “tra il dire e il fare…c’è di mezzo il mare”…E sappiamo quanto il “naufgragar” sia dolce per molte donne!!

Ma non temere, c’è un salvagente pronto per te: attraverso la scheda per il self help che ti ho preparato, potrai iniziare autonomamente il tuo percorso di coaching ed incamminarti sul sentiero del miglioramento personale! Approcciarsi alla crescita personale infatti non è solo questione di volontà, ma anche di metodo.

Voglio anzitutto aiutarti a capire meglio come superare questa fase di stallo, per avviarti sulla giusta strada delle azioni efficaci per migliorare la tua vita. Comincio quindi a spiegarti qual è la differenza tra buoni propositi e obiettivi.

Come cambiare vita trasformando i buoni propositi in obiettivi

La lista dei buoni propositi femminili può essere più o meno lunga e più o meno originale…Non penso però di sbagliare citandoti alcuni esempi: riprendere l’attività fisica, dimagrire o mangiare in modo più sano, trovare un po’ di tempo da dedicare ad una passione, spendere meno soldi per lo shopping, imparare meglio l’inglese, cercare un nuovo lavoro più appagante o semplicemente meno stressante, sprecare meno tempo sui social e dedicarlo a qualcosa di produttivo ed utile, riordinare casa e buttare quello che non serve e chi più ne ha più ne metta!

Se riflettete bene su queste proposizioni, hanno alcune caratteristiche in comune, ve le elenco una ad una:

  • anzitutto sono generiche, nel senso che non danno informazioni precise sui tempi e sulle modalità,
  • sono poco motivanti perché ce le poniamo come imposizioni, come qualcosa da fare in modo forzato e contro la nostra indole (non c’è accordo con la nostra parte profonda)
  • il terzo è che sono astratte, in quanto non ci danno modo di definire un risultato che ci serva come riscontro.

Se quindi ti stai chiedendo il motivo per cui ti blocchi sempre nella messa in pratica dei tuoi buoni propositi, ecco la prima risposta: perché non sono formulati come OBIETTIVI. E se non hai un obiettivo chiaro in mente, non potrai certo immaginare di raggiungerlo!

Le 5 caratteristiche di un obiettivo ben formulato

Proverò quindi a spiegarti cos’è un OBIETTIVO e come puoi organizzarti per perseguirlo al meglio! Qualcuno ha detto che gli obiettivi sono “sogni con una data di scadenza”.

Questo ci aiuta a capire che una delle caratteristiche fondamentali di un obiettivo che ci aiuta a migliorare e cambiare vita è appunto quella di essere TEMPORALMENTE DEFINITO: dobbiamo dare a noi stesse una data entro cui concretizzare ciò che ci prefiggiamo.

Un altro aspetto a cui accennavo prima è la necessità di essere SPECIFICA nella formulazione dei tuoi intenti: inserisci degli indicatori di quantità o qualità o degli elementi che ti permetteranno di MISURARE il tuo risultato ed i progressi che farai nel raggiungerlo. La MISURABILITA’ è infatti un terzo elemento indispensabile perché un obiettivo sia tale e quindi utile a migliorare la propria vita.

Non dimenticare poi di considerare le tue reali potenzialità e quelle del contesto entro cui dovrai ottenere il risultato: non volare troppo alto e formula le tue promesse su come cambiare in modo che le azioni programmate possano essere FATTIBILI e realistiche.

Per finire ti serve UN MOTORE e questo sta nella MOTIVAZIONE che avrai per muoverti verso un dato obiettivo, che dovrà quindi essere ASSOLUTAMENTE RILEVANTE per te.

Per sintetizzare, puoi ricordare le 5 caratteristiche tipiche di un obiettivo ben formulato memorizzando la parola SMART, le cui iniziali sono date da questi 5 concetti:

  • Specifico
  • Misurabile
  • Achievable (raggiungibile)
  • Rilevante
  • Temporalmente definito

raggiungere i propri obiettivi

Come definire i propri obiettivi

..Ora che hai capito che cosa distingue un vero obiettivo dai tuoi soliti buoni propositi, sei pronta per fare questo esercizio: prendi carta e penna e rispondi a questa domanda “Quali sono i miei 3 obiettivi per il prossimo periodo?”

Ti consiglio di limitarti a tre sempre per rispondere al principio di specificità, e di SEMPLIFICAZIONE: con una lista troppo lunga si finiresti per perdere il focus, senza sapere più a quale dei molti progetti dare la priorità una volta ripresa la routine quotidiana.

Una volta individuati i tre obiettivi, definisci per ciascuno:

  1. l’arco di tempo entro cui raggiungerlo,
  2. i criteri di misurabilità,
  3. la motivazione che ti spinge a perseguirlo,
  4. indaga dentro te stessa le reali intenzioni,
  5. definisci le azioni concrete che ti porteranno a realizzarlo.

Infine dovrai crearti un “sistema cuscinetto” per non perdere la strada nei momenti di difficoltà che si presenteranno e che ti indurrebbero a mollare: scrivi una tua dichiarazione di impegno in cui formuli l’obiettivo ed i motivi che ti spingono a farlo, scrivi anche una lista di alternative del tipo “se-allora” che ti potranno essere d’aiuto nel momento in cui vorrai evitare di impegnarti.

Scheda per la definizione di obiettivi efficaci

Ti faccio un esempio banale: mettiamo che il tuo obiettivo sia dimagrire e la tua intenzione sottostante sia quella di sentirti meglio con te stessa e più a tuo agio e socievole con gli altri. Assecondando sempre i tuoi pensieri positivi a riguardo, potresti formularlo così:

OBIETTIVO: DIMAGRIRE

PERIODO E CRITERI di misurabilità: 7 kg in 6 mesi a partire da oggi

MOTIVAZIONE: sentirmi più a mio agio con me stessa e più sicura di me

AZIONI CONCRETE: informarmi su palestre / iscrivermi/ allenamento o corso 3 giorni a settimana per 1 ora / aumentare frutta e verdura nella dieta, evitare dolci e pane: mangiare almeno 3 spuntini di frutta al giorno, almeno 2 portate di verdura

DICHIARAZIONE “Sto intraprendendo questo cambiamento perché … e perché … e farò in modo di perseguirlo perché … . Nei momenti difficili mi ricorderò che … e che … e non mollerò.”

ALTERNATIVE: Se avrò la tentazione di mangiare un dolce, allora preferirò un frutto/ Se avrò la tentazione di bigiare l’allenamento, allora dovrò uscire a correre per 1 ora

Qui sopra trovi il foglio di lavoro che può esserti utile per definire in modo chiaro i tuoi traguardi. Lo puoi scaricare gratuitamente e compilare.

Chiarirti le idee su che cosa desideri è il primo passo per orientarti correttamente verso il tuo miglioramento personale. Che si tratti di obiettivi professionali o personali, di imparare a gestire le emozioni, di organizzare meglio la giornata o di avviare una start-up, di perdere 5 kg oppure di vincere un concorso letterario, sono certa che avrai modo di trarre beneficio da questo strumento! Provare per credere! 😉

Raccontami poi dei tuoi progressi, scrivendo sul nuovo Gruppo Facebook riservato alle iscritte!

Questo era solo un piccolo esempio su come formulare degli obiettivi chiari, che ti permetteranno di passare veramente all’azione e quindi di sentirti man mano più determinata e sicura di te stessa. Ti assicuro che la tua autostima trarrà immediati benefici da questo approccio, inoltre migliorerai il tuo dialogo interno e la sensazione di sentirti allineata con ciò che davvero desideri.

Non posso negarti che la strada potrà essere a tratti in salita, ma tanto per non darti alibi, ricorda che qualsiasi cosa possa sviarti dal percorso che hai tracciato non sarà altro che una SCUSA.

L’unica cosa che si frappone tra te e il tuo obiettivo è quella stronzata di storia che racconti a te stesso sul motivo per cui l’obiettivo non si può raggiungere.

JORDAN BELFORT

Allora, cosa pensi di fare? Ricominci con i buoni propositi o vuoi davvero darti una mossa per cambiare vita o almeno cominciare il tuo percorso per migliorare?

Se hai bisogno di supporto, sai dove trovarmi! 😉

Comments

  1. Pingback: SETTEMBRE – IO MAMMA

Aggiungi un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.